Via Chiarini 5 - 40011 Anzola dell'Emilia
Cod. Fisc. 91153630370 - Cod. Univoco: UFEAD4
Tel. segreteria: 051 733136 / 051 6507651 - Fax segreteria: 051 6507644
E-MAIL: boic81400l@istruzione.it - PEC: boic81400l@pec.istruzione.it

Venerdì 22 settembre i bambini delle classi quarte della scuola Caduti per la Libertà (Anzola Emilia) e Arcobaleno (Lavino) hanno partecipato alla giornata nazionale “Puliamo il mondo” promossa da Legambiente. 

Durante la mattinata bambini, maestre, rappresentanti dell'amministrazione comunale e volontari si sono messi al lavoro, muniti di pettorine, cappelli, guanti e sacchetti, per raccogliere i rifiuti presenti nel giardino della scuola e nelle aree circostanti.

Bambine e bambini si sono dimostrati subito entusiasti del lavoro da fare e attenti osservatori dell'ambiente circostante.

Al termine delle due ore di attività sono stati riempiti sei sacchi tra rifiuti indifferenziati e plastica, non sono mancate però le sorprese: macchinine, bombolette spray, pennelli, batterie esaurite e una cintura.

Lo spirito dell'iniziativa viene perfettamente riassunto dal pensiero dei bambini, uno di loro commenta questa esperienza dicendo che: “La città pulita è più bella e accogliente per tutti, animali compresi. Giornate come questa si possono fare più spesso insieme alle mamme e ai papà, agli amici e ai compagni di scuola finchè non ci sarà più nulla in giro da buttare”.

 

Puliamo il mondo       Puliamo il mondo 3

Puliamo il mondo 2

Puliamo il Mondo 17-18

 

Anche la scuola secondaria ha aderito sabato mattina 23 settembre:  i rappresentanti delle classi seconde  guidati da una insegnante sono andati a pulire il parco antistante la scuola.

Sono stati raccolti tanti rifiuti nel parco in maggioranza mozziconi di sigarette ma anche cartecce, plastica, lattine,...

 "Il progetto mi è sembrato un bel modo per sensibilizzare le persone ad adottare delle abitudini che servano a fare crescere una coscienza ecologica in tutti noi. Con questa esperienza ho capito quanto, purtroppo, sia poco diffusa tale consapevolezza." C. Muraro classe 2°A